Al via la terza edizione del Festival del Fitness “Andrea per sempre con noi”

18336731_10155235501134376_1516395485_n

Giunge alla sua terza edizione il Festival del Fitness in ricordo di Andrea Scaglione, scomparso prematuramente quasi tre anni fa a causa di un incidente stradale. Una giornata all’insegna dello sport, quella di oggi, domenica 7 maggio, al Monte di Pietà, dove il giovane verrà ricordato in un’atmosfera gioiosa attraverso una delle attività che amava di più. Andrea era un ragazzo molto attivo, conosciuto all’interno della comunità messinese per il suo ruolo di organizzatore di eventi e non solo. La mamma Patrizia Scaglione vuole ricordarlo per la sua contagiosa energia e la straordinaria voglia di vivere attraverso un momento di aggregazione e di festa, e in particolare per trasmettere un messaggio importante: sapersi divertire con responsabilità, senza far del male agli altri, proprio come faceva Andrea.

La giornata prevede un programma ricco di lezioni a partire dalle 9.30 fino alle 20.00. Poi l’evento serale, dalle 21.00 alle 23.00, durante il quale si terranno esibizioni e interventi degli amici di Andrea con la partecipazione di numerose scuole di danza e istruttori di varie palestre. Ospite d’onore: la Presidente dell’Associazione Italiana Familiari Vittime della Strada, la dott.ssa Giuseppa Cassaniti.

Negli ultimi anni il numero delle vittime della strada è cresciuto in modo esponenziale, l’ AIFVS di cui Patrizia fa parte, si batte affinché le strade divengano più sicure e questa strage silenziosa abbia fine. Recentemente sono stati raggiunti importanti traguardi come il riconoscimento del reato di omicidio stradale, ma sono ancora tanti gli obiettivi dell’associazione, per esempio l’assistenza nel post incidente e l’istituzione della giornata nazionale delle vittime della strada.

La speranza è che attraverso il ricordo di ragazzi come Andrea Scaglione si possa agire concretamente, affinché il ricordo serva da monito per tutti coloro che in strada tengono comportamenti inadatti: uso del cellulare, velocità elevata e guida in stato alterato. Per i giovani è importante soprattutto l’esempio degli adulti, mentre alle istituzioni spetta il compito di emanare leggi apposite per evitare che altri perdano la vita e tante famiglie vengano private dei loro affetti.

 

Stefania Arinisi

0 Commenti

Scrivi un Commento