Casa Faranda: residenza d’Artista tra creatività, workshop e vacanza

casa castroreale taverna 1

Nell’antico e singolare paesino siciliano di Castroreale, il cui abitato trae origine dallo storico casale di Crizzina (o Cristina) ricordato nelle fonti archivistiche a partire dall’età normanno-sveva, sorge Casa Faranda. Una dimora signorile composta da due corpi risalenti rispettivamente al 1571 ed al 1649. Il primo corpo appartenne ad un ricco notabile ebreo nella allora fiorente cittadina, che nel 1767 vide un ampliamento, con l’acquisto della Casa da parte del Marchese Filippo Pellizzeri, il quale vi aggiunse un nuovo corpo ampliandone, così,  gli ambienti. Dal 1780 ad oggi  la Dimora appartiene alla famiglia Faranda, quale dote matrimoniale di Anna Pellizzeri(1758-1838) che sposò Don Carmelo Faranda(1755-1831), capostipite della famiglia Faranda di Castroreale.

Oggi la Casa è residenza d’artista, Casa Vacanze, suggestivo set fotografico e per cortometraggi, location per eventi culturali (mostre, workshop, laboratori circensi per bambini, laboratori di riciclo creativo ed affini) atti alla valorizzazione creativa e culturale della persona ed alla promozione culturale del territorio siciliano.

Gestita ed in parte ristrutturata (mantenendone viva l’identità originaria) da un discendente della Famiglia, Pierfrancesco Mucari, e da Giorgia Di Giovanni; il primo musicista, insegnante e restauratore di strumenti a fiato, la seconda danzatrice e coreografa.

Ogni stanza è intitolata con un nome che ne racchiude la storia: la camera “del Tuorlo”… il centro della casa, le cui pareti non a caso sono scandite da un giallo pallido;  la stanza “della Cisterna”, bianca e trasparente, accanto all’antica cisterna  (risalente al 1571) atta alla raccolta delle acque; la camera “del Tramonto”, le cui pareti vibrano delle tante sfumature di rosso, a ponente lì dove il sole “si addormenta” per rinascere.

Tutti i colori e gli oggetti delle singole stanze  rimandano ad una storia.

PierFrancesco e Giorgia accolgono artisti e turisti provenienti da tutto il mondo, seguendo una filosofia per cui il soggetto “penetra” profondamente nella cultura siciliana e locale a 360 gradi, orientata verso un turismo di tipo  relazionale. Da anni promuovono diversi workshop con artisti professionisti soprattutto siciliani atti a coinvolgere i residenti nella Dimora e quanti desiderosi di vivere esperienze sicuramente singolari. Ultimo workshop è stato quello dedicato all’insegnamento della storia e del suono di uno degli strumenti siciliani più particolari: il marranzano.

In attesa del prossimo evento, qualche scatto della Casa e degli eventi performativi, per cui si ringraziano i proprietari ed artisti Pierfrancesco Mucari e Giorgia Di Giovanni.

 

Info e prenotazioni:

www.casafaranda.com

FB: Casa Faranda (Castroreale)

1 Commento
  1. Luigi

    Mi piace

    07/06/2017 at 11:54

Scrivi un Commento