#dirittoerovescio: alcol e guida, posso comunque fare concorsi?

Alcoholism. Cup cognac whiskey or brandy hand man the keys to the car and irresponsible driver.

Gent. Redazione,

sono stato fermato alla guida con un tasso alcolico di 1,65 g/l; è un precedente penale che mi impedisce di fare concorsi?

La fattispecie è disciplinata dall’art. 186 C.d.S., particolarmente analitico ed esaustivo nelle tante ipotesi specifiche che prevede. Il secondo comma, lettera c), prevede per il Suo caso la pena dell’ammenda da € 1.500 a € 6.000 e dell’arresto da sei mesi ad un anno; sia chiaro, trattasi di pene che presuppongono comunque l’accertamento in sede penale. In ogni caso, invece, è applicata la sanzione accessoria della sospensione della patente di guida da sei mesi ad un anno.

Attualmente questo tipo di processo penale ha inizio a distanza di circa due anni dalla data del commesso reato, ma questo dato può cambiare a seconda del carico del Tribunale che procede. L’istruttoria è normalmente molto semplice; il compendio investigativo infatti si integra e si esaurisce nelle risultanze dell’accertamento tecnico compiuto nell’immediatezza dagli agenti operanti.

Qualora non vi siano difetti eclatanti nella procedura (l’hanno invitata a nominare un difensore?) e non ricorrano cause di giustificazione (stava trasportando qualcuno al Pronto Soccorso?), sarà altamente improbabile ottenere un’assoluzione nel merito.

Il comma 9 bis della norma citata prevede la possibilità di ricorre al lavoro di pubblica utilità di cui all’art. 54 d. lgs. 274/2000, consistente in un’attività non retribuita da svolgere in favore della collettività. Presso i Tribunali sono disponibili elenchi di Enti e organizzazioni simili; provveda anzitutto a prendere contatti e richiedere la disponibilità. Il lavoro sarà svolto secondo il programma concordato con l’Ente di concerto con l’UEPE e nella maggior parte dei casi Le farà bene. Il beneficio può essere concesso una sola volta.

Nel caso di esito positivo del programma il Giudice dichiarerà la pena estinta, senza pregiudizio per la Sua fedina penale. Accedere ad un rito premiale (ad es. il patteggiamento ex art. 444 c.p.) apporterà significative riduzioni di pena.

Con i migliori saluti

Avv. Andrea Florio

Andrea Florio

Andrea Florio

Andrea Florio, classe 78, avvocato, diritto civile e penale. Laureato a Messina, Master all'università di Roma Tre. Ama la moglie, il calcio, il teatro e la buona tavola, ma non necessariamente in quest'ordine.
0 Commenti

Scrivi un Commento