“Due passi sono”. La compagnia Carullo-Minasi al Clan Off Teatro

Due passi sono

Si è concluso con successo anche  il terzo appuntamento teatrale del Clan Off Teatro di Messina, a sua volta sotto la direzione artistica degli attori Giovanni Maria Currò e Mauro Failla.

Protagonista di questa ultima performance teatrale è stata la compagnia (messinese, ormai nota a livello nazionale) Carullo – Minasi, che si è confermata autrice, oltre che interprete, di spettacoli validi, ben pensati e strutturati, alle volte non di facile lettura, ma sempre originali e mai banali.

Al Clan Off ha presentato un lavoro risalente a qualche anno fa ma sempre molto attuale ed il suo successo ne é conferma.

Una performance che vede protagonisti un uomo ed una donna, “Pe” e “Cri”; bambini, adulti, amici, amanti, coppia. In bilico fra surrealismo e realtà, fra sogno e visioni lucide di un presente che non li aiuta a vivere la propria condizione innanzitutto di uomini e poi di coppia, di innamorati fra di loro ma forse ancora prima della vita. Un tempo, quello a loro presente, in cui sembra che ogni cosa sia un problema da cui difendersi e nei casi più fortunati da risolvere… “non mangiare questo che ti fa male, neanche quello che sei celiaco, che sei vegano, che sei allergico…”; “non mi abbracciare troppo che mi fai male, che mi metti ansia…”; “vuoi uscire, ma non puoi uscire… Mettiti i guanti prima di toccare una cosa” e via dicendo.

Tutte frasi di un dialogo che non potrebbe essere più contemporaneo di come si rivela.

Ma la chiusura, anche ossessiva, morbosa, di questa loro condizione trova una luce, la salvezza nel desiderio, fortissimo, di Pe e Cri di fare quei “due passi” per andare oltre quella nevrotica ossessione. Appena due passi per guardare dentro sé stessi ed il mondo con una positività ed una determinazione appena scoperte, con  ritrovate meraviglia e curiosità; due soli passi che sono per questi due esseri, solo in apparenza fragili, occhi nuovi che permetteranno loro di essere più consapevoli del potenziale che da troppo tempo hanno custodito dentro di sé e che gli consentirà di riconoscersi come uomini pensanti, curiosi, innamorati l’uno dell’altra; scelta reciproca, reale a tal punto da potere cominciare anche a sognare insieme senza paura di rimanere delusi. Una nuova visione che li condurrà a fare davvero crescere e fiorire la colorata pianta a cui “Cri” è sempre stata attenta, ma che inizialmente era finta.

Uno spettacolo realistico ma poetico, che cade “a pennello” in un periodo pre-natalizio spesso intriso di speranze e soprattutto in un’epoca, quella a tutti noi (soprattutto per quanto riguarda i giovani) contemporanea, in cui molti sono desiderosi di quella luce  grazie alla quale  “non è più necessario sfuggire dalla vita, ma solo vivere, con la grazia e l’incanto di chi ha imparato ad amare anche ed ancora prima la fame, la malattia, i limiti dello stare”.

 

DUE PASSI SONO

 

di Carullo-Minasi

regia, testi ed interpretazione di Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi

scene e costumi Cinzia Muscolino

disegno luci Roberto Bonaventura

aiuto regia Roberto Bitto

produzione Carullo-Minasi e Il Castello di Sancio Panza

Premio Scenario per Ustica 2011

Premio In-Box 2012

Premio Internazionale T. Pomodoro 2013

Il Clan Off si trova a Messina, in via Trento n.4 (pressi Caserma dei Carabinieri di via La Farina).

Per partecipare ai prossimi ed a tutti gli spettacoli è necessario prenotarsi.

Info e prenotazioni:  cell. 388 811.06.18;   info@clandegliattori.it

 

 

Laura Faranda

Laura Faranda

Nata a Messina nel 1984. Attualmente dottoranda all’Università di Messina, con un progetto in Geografia culturale. Attraverso l’analisi dei beni culturali studia il territorio ed il patrimonio annesso. Ama l’arte e ogni suo riflesso: dalla tradizione artistica medievale alle espressioni di avanguardia, purché non si cada nel cattivo gusto. Desiderosa di conoscenza, sperimenta spesso i più diversi canali di ricerca. Per scirokko.it si occupa della promozione di nuovi artisti messinesi e di eventi culturali.
0 Commenti

Scrivi un Commento