Essere il Pozzo di San Patrizio… cosa significa questo modo di dire?

SONY DSC

«Papà, ho bisogno di centocinquanta euro per la borsa nuova», disse la figlia appena entrata in casa. Il padre, risentito per le pretese della figlia, rispose: «Io vivo di stipendio, non sono il Pozzo di San Patrizio!».
Essere o avere il pozzo di San Patrizio sta ad indicare una persona, un’attività, un’impresa, una situazione che sembra inesauribile nel distribuire denaro, energia, risorse o altro. Quante volte sarà capitato di dire o sentire una frase del genere. Vediamo, allora, come è nata questa metafora di infinita ricchezza.

Patrizio, romano britanno, a sedici anni fu rapito dai pirati e portato schiavo in Irlanda, dove fu messo a fare il pecoraio. Evangelizzò in seguito quel territorio e ne divenne il patrono. Secondo una leggenda medioevale, il pozzo di san Patrizio era una caverna molto profonda che si trovava su un isolotto del Lough Derg (Lago Rosso), nell’Irlanda nord-occidentale, ritenuta l’ingresso del purgatorio o degli inferi. Qui San Patrizio era solito ritirarsi in preghiera, e si narra che Cristo gli avesse indicato la caverna affinché potesse mostrare le pene dell’Inferno ai fedeli più increduli che vi si fossero avventurati. Sempre secondo la leggenda, dal “pozzo” si poteva intravedere una “via” che conduceva all’Aldilà. Coloro che vi si trattenevano in preghiera ininterrottamente per un giorno e una notte, ottenevano la remissione dei peccati. L’isola del Lough Derg è meta, ancora oggi, di moltissimi pellegrini, ma la grotta fu chiusa nel 1457 per ordine di Papa Alessandro VI. Quest’espressione, dicevamo, è adoperata impropriamente per indicare una fonte di denaro ritenuta inesauribile da colui che vi attinge. A questo proposito potremmo azzardare l’ipotesi secondo la quale la “via” del pozzo era molto lunga, “inesauribile”, da qui, per l’appunto, il detto popolare “avere o essere il pozzo di San Patrizio”.

0 Commenti

Scrivi un Commento