“Etere”. La fotografia di Fabio Lo Re “rivive” a “La Stanza dello Scirocco” di Messina

Mostra fotografica a - Pihneto

 COMUNICATO STAMPA

L’Associazione Culturale La Stanza dello Scirocco

presenta

Mostra fotografica “Etere”

Messina, Via del Vespro n. 108

A Messina, presso l’Associazione Culturale “La Stanza dello Scirocco”, sabato 7 Aprile inaugurerà “Etere”; l’esposizione fotografica dedicata al fotografo messinese Fabio Lo Re.

“L’opera di Fabio Lo Re – dichiara Barbara Lanza, curatrice dell’evento – ha ricondotto la mia memoria alla fotografia di Franco Vimercati, le cui opere si trovano in alcune delle più importanti collezioni italiane e utilizzano solo presenze del quotidiano. E pure a quella di Mimmo Jodice, con le sue ricerche sulle statue di Canova. Ma tralasciando le similitudini, ci tengo a precisare che ho amato da subito il lavoro di Lo Re soprattutto per una sua peculiarità: l’immersione nelle tenebre di oggetti quotidiani, nello specifico statuette che appartengono a una collezione della sua famiglia da diverse generazioni e provenienti dai più reconditi anfratti del mondo, e la modalità di catturare la luce ricreandola con i LED e puntandola sui dettagli dei soggetti fotografati. Una ricerca, a mio avviso, tanto interessante quanto intima e tramite la quale l’oggetto, prima testimone muto, prende voce, esce dal buio, si racconta, parla di sé, diviene storia narrata e narrante”.

Lo stesso autore, del resto, così descriveva la sua ricerca: “Per quanto riguarda la luce si evolve sempre sulla strada dei LED, anche se sarebbe meraviglioso poter intrappolare quella naturale allo stesso modo… credo impossibile”, mentre per il critico della rivista online “Insideart”, Claudia Quintieri, le opere di Lo Re sono “fotografie notturne… frutto di un lavoro intimista che crea un’emersione inconscia e un’immersione sensitiva. Che gioca con ciò che si cela, che acuisce con ciò che si vede: svelamento/occultazione”.

Prima di approdare a Messina, “Etere” è stata ospite, a Roma, di “River of Trees”, progetto a cura di Francesca Orsi e Michela Becchis.

“L’etere di Fabio Lo Re – ha scritto in quell’occasione Orsi – va al di là dell’uomo e della sua esistenza. Ѐ un’indagine quasi “archeologica”. E ancora: “Avvertii subito un valore rituale ancorato a quegli oggetti, delle rappresentazioni di qualcosa di sacro. Come dei piccoli totem essi rappresentano un legame e un’appartenenza”.

Dal canto suo, questo sottolineava Becchis delle opere dello scomparso artista: “Lo Re invita lo sguardo a mettere in funzione la memoria personale che nel riconoscere l’esatta dimensione di un oggetto, come di un ricordo o di un’emozione, mai mette in funzione solo l’ironia o solo la malinconia”. Elementi, secondo Becchis, attraverso cui il fotografo messinese “disegna semplicemente la linea, fisica e temporale, che impedisce l’evanescenza della condizione umana”. E se l’espressione artistica è sinonimo di immortalità, immortali sono pure le opere di Fabio Lo Re.

Laura Faranda

Laura Faranda

Nata a Messina nel 1984. Critica e curatrice di Arte Contemporanea. Anche Dottore di Ricerca in Geografia Umana e Culturale, per questo particolarmente sensibile all'interazione arte/territorio. Ama l’arte ed ogni suo riflesso: dalla tradizione artistica medievale alle espressioni di avanguardia, purché non si cada nel cattivo gusto. Desiderosa di conoscenza, sperimenta spesso i più diversi canali di ricerca. Per scirokko.it cura si occupa di critica d'arte contemporanea e della promozione di nuovi artisti e di eventi culturali messinesi e siciliani.
0 Commenti

Scrivi un Commento