“Forme e colori” di Nino Bruneo alla galleria Kalòs

Nino Bruneo - Immagine di Copertina

La galleria Kalòs di Messina, nell’ambito della rassegna di mostre di arte contemporanea “ArtistiInVista 2015-2016”, presenta un altro notevole artista: Nino Bruneo (messinese, classe 1941), con la sua esposizione di scultura e pittura intitolata “Forme e colori”.

«Quand’ero un ragazzino, che giocavo con i compagni per strada, impastavo argilla. Impastandola, creavo delle conchette e poi la lanciavo sul selciato perché l’aria incamerata scoppiasse facendo un piccolo botto. Invitavo i miei amici a fare lo stesso. Era una gara in cui vinceva chi otteneva il rumore più fragoroso».
Questo racconta l’artista, riguardo il suo primo approccio con l’arte, a coloro che nel tempo lo hanno intervistato.

Il suo luogo natìo, Santo Stefano di Camastra (Messina), gli ha permesso di conoscere presto la ceramica (Santo Stefano è infatti uno dei paesi siciliani con un’antica tradizione ceramista), rimanendone profondamente affascinato. Partì, quindi, alla scoperta di questa materia, svestendola dall’accezione “bassa” che le attribuivano i più ed innalzandola a poesia. Dalla ceramica, cominciò poi a sperimentare la creta, il grés, la pasta refrattaria, gli smalti. Il suo obiettivo era (ed è) quello di sperimentare ogni tipo di materiale che gli concedesse la possibilità di esercitare un suo personale controllo su di esso, realizzando un equilibrio, tra se stesso e la materia e tra i materiali usati, esatto ma sempre al limite.

Nino Bruneo - Pittura - AlberiTutto questo è ben espresso oggi in “Forme e colori”, dove, accanto alla scultura (suo campo di preferenza) presenta opere pittoriche, che dimostrano comunque coerenza con tutta la linea ideologica del suo pensiero: la sperimentazione, la scoperta, sulla base di un’indagine esistenziale.
In particolare, sono le sculture di Bruneo a farsi portatrici di una acuta riflessione dell’Artista sul rapporto uomo – natura. Ed è verso la natura che traspare un Suo rispetto reverenziale. La materia non è mai aggredita, rimane grezza, non viene manipolata ma plasmata per essere valorizzata nella sua essenza.

Nino Bruneo - PendoloCosì Bruneo diviene creatore di forme sinuose, spesso richiamanti le forme morbide tutte femminili, espressione di una femminilità sicula, identitaria della terra in cui egli stesso vive ed opera.
Altre volte la materia è incisa da segni primitivi e frutto di una ricomposizione verso una immagine nuova.
Tutte le opere, pittoriche e scultoree, sono “Senza titolo”. Come ad esprimere, ancora una volta, profondo rispetto verso la materia ma anche verso l’uomo e, quindi, verso chi osserva i lavori, lasciandogli il diritto, che spesso è un privilegio, di identificarli a proprio modo.

Fino al 15 Gennaio.
Ingresso gratuito.

Per info: galleria Kalòs, Messina – via C. Botta, angolo via T. Cannizzaro.

Laura Faranda

Laura Faranda

Nata a Messina nel 1984. Critica e curatrice di Arte Contemporanea. Anche Dottore di Ricerca in Geografia Umana e Culturale, per questo particolarmente sensibile all'interazione arte/territorio. Ama l’arte ed ogni suo riflesso: dalla tradizione artistica medievale alle espressioni di avanguardia, purché non si cada nel cattivo gusto. Desiderosa di conoscenza, sperimenta spesso i più diversi canali di ricerca. Per scirokko.it cura si occupa di critica d'arte contemporanea e della promozione di nuovi artisti e di eventi culturali messinesi e siciliani.
1 Commento
  1. Luigi

    Interessanti l’artista e le opere. Mi piace la nota critica.

    12/01/2016 at 17:40

Scrivi un Commento