Lama Itighelov, l’uomo che visse due volte

Lama Ithigelov, copertina

Alle morti siamo abituati dai telegiornali, ma il discorso cambia se si parla di un uomo che in un certo senso “ritorna alla vita”! E’ il 1927 quando il Lama Itighelov, leader spirituale buddista russo, prega i suoi monaci di lasciare la Russia perché non è più un posto sicuro per loro. Lui decide di restare ad attendere la morte e fa eseguire dai suoi discepoli i riti funerari mentre siede in meditazione nella “posa del loto” insieme ad altri monaci; presto cessa di respirare. Su sua esplicita richiesta i suoi fratelli lo seppelliscono in quella stessa posizione ed accettano che il suo corpo venga riesumato parecchi anni dopo, cosa che avviene nel 1955: aprendo la bara i monaci sono sbalorditi nel ritrovare la salma completamente intatta. L’operazione viene ripetuta nel 1973 e anche a distanza di 29 anni, nel 2002, il corpo del Lama continua a presentarsi assolutamente incorrotto tanto che si decide di studiarlo per capire come sia possibile che un uomo morto da 75 anni appaia come un soggetto deceduto da “non più di 36 ore, con la pelle ancora morbida e le membra non rigide”. In seguito al parere degli scienziati che lo esaminarono la salma di Itighelov viene dichiarata una reliquia del buddismo russo e gli viene costruito un tempio dove, dal 2005, resta esposto senza teche o altri sistemi di conservazione affinché possa essere venerato dai fedeli. I pareri a proposito di questo apparente “miracolo” sono ovviamente discordanti: mentre gli scienziati sono convinti che le alte tracce di bromo rinvenute sul corpo possano in parte spiegare la sua conservazione, i monaci che fanno visita al tempio si rivolgono a lui come ad una persona viva, stringendogli la mano e parlandogli credendo che sia semplicemente ancora in meditazione; a proposito di questo restano emblematiche le parole del Lama Ajurscejev: “I dubbi sono fugati, gli esperimenti non servono più. Il Lama Itighenov è come noi, solo in uno stato di assenza, la reincarnazione è compiuta”.

0 Commenti

Scrivi un Commento