L’Eco del Professore (Tomasello)

umbertoeco-large_trans++eo_i_u9APj8RuoebjoAHt0k9u7HhRJvuo-ZLenGRumA

“L’Eco del Professore” sembrerebbe il titolo di una rivista per intellettuali, invece è un mio personalissimo e banale gioco di parole riferito alla morte di una delle più illustri persone e personalità del nostro Paese: Umberto Eco. Tutti sanno chi è, tutti! E’ al pari di una Star anzi, sono state le Star a doversi adeguare, è lui il metro di misura per stimare la propria popolarità. Se sai chi sono Umberto Eco e Pippo Baudo, non solo puoi considerarti italiano ma puoi persino considerarti tu un intellettuale; ovviamente non perché conosci i titoli dei suoi scritti ma perché li hai anche letti.

Eco, non è un caso che si chiami così, perché ha fatto eco come una Rock Star è “arrivato” a tutti, ovunque, e sembra ovvio ma non lo è. Scuole, Università, salotti e circoli culturali, quello sì che è ovvio. Ma arrivare negli scaffali di una libreria della periferia più recondita di un piccolo paese di provincia, quello sì che è Rock. Essere neologismo, icona, figura di spicco, patrimonio culturale del nostro Paese e restare un uomo, ironico, simpatico a detta di chi lo ha conosciuto personalmente, a riprova del fatto che una grande levatura culturale non implica alterigia. Eco sarà morto felice, sono certa, per quello che ha dato e che ha ricevuto dal nostro Paese, per quello che ha dato prima di tutti a se stesso.

Intanto a Messina un altro professore fa eco. E non è dei migliori. Non mi impiccio anche perché mi annoiano queste vicende e lascio alla magistratura il proprio compito. Ma vedete questa vicenda mi ha fatto ripensare a quando al Liceo mi passavano il compito in classe di matematica. Ne veniva fuori un pasticcio. Perché io, non solo non sapevo fare ma non sapevo neanche copiare. E la sensazione è che la stessa cosa sia successa al professore, solo che al Liceo me lo sono permesso perché non volevo portare un brutto voto a casa e rischiare una punizione ma  “alla nostra età professore!”. Che poi, per quanto ne so, è anche un ottimo professore, ed è per questo che Eco si starà rivoltando nella tomba.

Ileana Panama

Ileana Panama

Filosofa dallo spirito libero e passionario. Mille difetti e un solo pregio: la caparbietà. Pare che per essere il direttore basti. Non ama le mezze misure, le mezze parole e le mezze stagioni. Onestà intellettuale ed educazione, queste le cose che apprezza negli altri. Profondamente attaccata alle sue radici, è tornata, dopo un lungo vagabondar per restare ma soprattutto per Fare. Imperdibili le sue interviste.
0 Commenti

Scrivi un Commento