“Malagrazia”. Il nuovo lavoro di Giuseppe Isgrò in Prima Nazionale al Clan Off Teatro

Clan

 

 

Al Clan Off Teatro di Messina, diretto dagli attori e registi Giovanni Maria Currò e Mauro Failla, dopo il successo di un singolare fuori programma, eccezionalmente musicale, dedicato ad una performance live-acustica del cantautore siciliano Mimì Sterrantino accompagnato sul palco da Fabio Macagnino, questo weekend è andato in scena un altro particolare lavoro fuori programmazione: “Malagrazia”, per la regia di Giuseppe Isgrò.

Lo spettacolo, il cui titolo richiama “la grazia che viene dal male” ed il cui testo è firmato da Michelangelo Zeno, ha debuttato in Prima Nazionale a Messina al Clan Off. Una scelta voluta e particolarmente azzeccata sia per la tematica sia perché ispirata alla poesia inquieta di Franco Scaldati (conosciuto dagli addetti ai lavori come “Il Sarto”) drammaturgo, attore, regista palermitano considerato una delle voci più importanti nel campo dei testi teatrali.

Così come la Sicilia è terra che racchiude la bellezza soprattutto nell’essere tanto dolorosa e da sempre bistrattata ma unica per natura e folklore, anche “Malagrazia” è uno spettacolo che cresce piano, piano… schiudendosi da un dolore che è, nel contempo, disperazione e motivo di rinascita.

Due fratelli, orfani. Un passato doloroso, un presente intriso di inquietudine, fragilità, ambiguità. Un futuro tratteggiato da incognite ma sostenuto da una forte e, nel loro caso (o forse in quello di tutti), salvifica immaginazione.

Un linguaggio (tramite voce e corpo) ed una generale struttura nevrotici ma sicuramente accattivanti. Perno di tutta la performance l’unico elemento scenografico: un cranio di animale appeso, sospeso, al soffitto, che diviene simbolo di morte e rinascita, maschera per proteggersi ma anche per vestire i panni di qualcosa di altro e poi elemento da schernire.

Malagrazia” è stato sicuramente molto pensato… con minuzia quasi ossessiva. Ma nonostante questa ossessione e certi aspetti un po’ forzati, grazie alla elevata bravura dei protagonisti, i giovani attori Edoardo Barbone e Daniele Fedeli, ed alla certamente originale e colta regia, risulta un lavoro attraente ed interessante… ricco di spunti di riflessione. Un gioco provocatorio (per molteplici aspetti), che nonostante sia esso stesso di base innanzitutto intellettuale, usando magistralmente l’espediente teatrale, si rivolge, vincente, contro certi borghesismi, certe idee “incartate” che, forse, vale la pena di scartare, denudare così come avviene, letteralmente, per i due attori in scena.

Lo spettacolo, da Messina, parte per Caserta, Napoli, Pisa, Milano (città di origine della compagnia Phoebe Zeitgeist ideata da Isgrò).
Malagrazia

Ideazione e regia Giuseppe Isgrò

drammaturgia Michelangelo Zeno

con Edoardo Barbone e Daniele Fedeli

architettura del suono Stefano De Ponti

cura del progetto Francesca Marianna Consonni

assistente alla regia Edoardo Barbera

immagine Mauro Vignando

foto Mauro Brovelli

grafica Nicola Gasco

collaborazione alla promozione Giuseppina Borghese

ufficio stampa Le Staffette

uno spettacolo di Phoebe Zeitgeist

in collaborazione con

Evoè, Rovereto / Teatro Civico 14, Caserta / Teatro Rossi Aperto, Pisa / AltoFest, Napoli / Odemà, Milano

www.pzteatro.org

 

Il Clan Off Teatro si trova a Messina, in Via Trento n.4 (pressi Caserma dei Carabinieri di Via La Farina). Vi dà appuntamento  il 24 e 25 Marzo con “Teddrarite” di e con Luana Rondinelli e  con Silvia Bello e Giovanna Mangiù. 

Per ogni spettacolo è necessaria la prenotazione contattando il Teatro:

cell.  388 811 0618 

FB: Clan Off Teatro oppure Clan degli Attori 

sito web: www.clandegliattori.it

 

 

 

 

Laura Faranda

Laura Faranda

Nata a Messina nel 1984. Critica e curatrice di Arte Contemporanea. Anche Dottore di Ricerca in Geografia Umana e Culturale, per questo particolarmente sensibile all'interazione arte/territorio. Ama l’arte ed ogni suo riflesso: dalla tradizione artistica medievale alle espressioni di avanguardia, purché non si cada nel cattivo gusto. Desiderosa di conoscenza, sperimenta spesso i più diversi canali di ricerca. Per scirokko.it cura si occupa di critica d'arte contemporanea e della promozione di nuovi artisti e di eventi culturali messinesi e siciliani.
0 Commenti

Scrivi un Commento