I musicisti Arma Agartha e Mimmo Pompadour al Dalek Studio di Messina

Dalek Live

COMUNICATO STAMPA

Il Dalek Studio di Messina presenta

ARMA AGHARTA e MIMMO POMPADOUR

Domenica 4 febbraio

Messina, Via Tremonti – Fondo Cardia (pressi Torrente Giostra e seguire indicazioni per istituto Hellen Keller)

Il Dalek Studio di Messina, Studio di Registrazione, Sala Prove, Residenza d’Artista ed Associazione Culturale, domenica 4 Febbraio 2018 è pronto a presentare a Messina (come sua consuetudine) nuove sonorità.
In Residenza, si esibirà, infatti, ARMA AGHARTA performer e artista eclettico Lituano insieme al misterioso MIMMO POMPADOUR, che per il loro tour, CHE IN SICILIA PREVEDE SOLO DUE DATE, hanno scelto il Dalek come singolare location per uno dei due appuntamenti siciliani.
Ci regaleranno performances improvvisate, in bilico fra l’elettronica, il gioco e l’apertura massima del terzo occhio.

Dalle ore 21:00 si parte!


—–

Bio degli artisti:

ARMA AGHARTA (Vilnius)
Artista e promotore del suono proveniente dalla Lituania, sempre dedito all’improvvisazione ed alla musica sperimentale.

Dal 2006 ha fatto più di 350 spettacoli in tutto il mondo: dal Brasile alle Filippine, dalla Siberia alla California, dalla Groenlandia alla Moldavia.
I suoi set, intensi e ad alta energia, attraversano un ampio territorio tra eruzioni di rumore caotico, inpotici rituali psichedelici attraversando umorismo dadaista, movimenti corporei dispari, giochi spontanei improvvisati e voce, che muta e si trasform.

La sua musica è stampata unicamente su cassette da varie etichette europee.
Negli ultimi anni ha partecipato a festival ed eventi speciali: Arctic Sounds (Groenlandia), Destroy Vancouver (Canada), Gogbot (Paesi Bassi), Sonic (Danimarca), Jauna
Muzika (Lituania), Costruzione (Ucraina), Le mini Who (Paesi Bassi), Mlode Wilki (Polonia), Campo
(Germania), Aposition (Russia), Hamselyt (Ucraina), Altri mondi (Regno Unito), MEM (Spagna),Rumore e furia (Russia), Sonic Circuits (USA), Experi-Mental (USA), SOTU (Paesi Bassi), Sound Around (Russia)

MIMMO POMPADOUR
Avvolto da una fitta coltre di mistero , si fa strada tra la nebbia elettronica sfornando suoni e sonorità che da quella nebbia rubano il fascino e lo mischiano con onde seghettate , smussate e/o enfatizzate da levette, manopole, tastini e moduli analogici.

Il tutto sarà corredato dal solito “baretto”:


panini (vegani e non)

birra (Dello Stretto, Doc, Premium)

Vino casalingo

Ticket di ingresso a cifra irrisoria.

 

0 Commenti

Scrivi un Commento