“No inquinamento visivo” (a Messina). Il progetto di Stello Quartarone e Antonio Giocondo

Prog Giocondo 11

Comunicato Stampa

“No inquinamento visivo, spazio all’arte”

Messina

 

Per le vie di Messina caratterizzate da brutture di vario genere (come, per esempio, pannelli digitali ormai solo ferri vecchi) è appena iniziato “No inquinamento visivo, spazio all’arte”, il nuovo progetto degli artisti Stello Quartarone ed Antonio Giocondo, noti a Messina e provincia per la propria arte e per essersi più volte impegnati in prima persona nella rigenerazione urbana attraverso l’arte di diverse zone messinesi e provinciali.

“No inquinamento visivo” nasce dall’idea dei due eclettici artisti di letteralmente impacchettare brutture INUTILI sparse per le strade della città dello Stretto al fine di porle all’attenzione del sindaco, Renato Accorinti, e del Comune (oltre che alla sensibilità dei cittadini più attenti) proponendosi di sostituirle con sculture realizzate a spese proprie.

Prima tappa del Progetto è stata il Corso Cavour, all’incrocio con la via T.Cannizzaro.

In attesa di una risposta da parte di Sindaco e Comune, quindi il “via” per proseguire verso altre zone “affette” da “inquinamento visivo”, si propone qualche scatto dell’inizio del Progetto.

 

 

0 Commenti

Scrivi un Commento