Peggy Guggenheim: una vita dedicata all’arte

Peggy-Guggenheim

Eccentrica, intuitiva, provocatoria. Peggy Guggenheim fu una collezionista d’arte, una mecenate capace di influenzare il corso dell’arte del Novecento.
Figlia di due rampolli delle più facoltose famiglie industriali americane (lo zio è il proprietario del Guggenheim Museum di New York), Peggy nasce a New York nel 1898.
Entra a far parte del mondo dell’arte, partecipando a salotti e circoli importanti insieme al marito, un pittore dadaista. Così ha modo di conoscere intellettuali e artisti, tra i quali Marcel Duchamp con cui rimarrà amica tutta la vita e grazie al quale scoprirà l’amore per l’arte.
Dopo aver divorziato dal marito, a Londra apre la sua prima galleria d’arte: Galleria June, nel 1938. Si tratta della prima di una serie di collezioni che faranno sì che ella diventi un punto di riferimento per gli artisti del dopoguerra.
È a Parigi durante la seconda guerra mondiale dove acquista opere di artisti emergenti. Essendo ebrea, è costretta a tornare a New York, ma prima riesce ad aiutare molti artisti a lasciare l’Europa.
Nel 1941 inaugura a New York la galleria-museo Art of this century. Innovativi gli spazi espositivi, nuovi i nomi degli artisti, primo fra tutti Jackson Pollock.
La fama di Peggy arriva anche in Italia nel 1948. A Venezia compra palazzo Venier dei Leoni, sul Canal Grande, dove sceglie di vivere e esporre. Il museo espone opere surrealiste, cubiste, sculture di avanguardia e tanto altro ancora.
Decide di donare il palazzo e le sue opere alla fondazione Solomon Guggenheim di New York, a patto che la collezione rimanga sempre a Venezia.
La fondazione ha, inoltre, esteso la sua presenza attraverso la realizzazione di nuovi importanti musei; infatti oltre ai musei Guggenheim di Venezia e New York sono stati realizzati musei a Bilbao e Abu Dhabi.
Peggy Guggenheim muore in provincia di Padova nel 1979, all’età di 81 anni e le sue ceneri sono collocate nel giardino del suo palazzo, vicino al luogo dove faceva seppellire i suoi adorati cagnolini.

0 Commenti

Scrivi un Commento