Leccornie di Capodanno! Il Panettone ripieno di gelato

10899599_10204819844167409_1944250574_n

Ammettiamolo, ogni Natale si ripresenta sempre lo stesso scomodo problema: i panettoni che ci vengono regalati sono sempre molti più di quelli che in effetti riusciamo a consumare. Che sia mandorlato, con canditi o senza, dolce o salato, c’è sempre quel simpatico e immancabile parente che si presenta con il panettone alle cene in famiglia. Noi di scirokko.it vi proponiamo quindi una ricetta davvero rapida, semplice e poco dispendiosa, per trasformare il vostro panettone in un dolce squisito, anche se non esattamente ipocalorico, che farà felici tutti i golosi..

Preparazione:

Tagliate dalla base del vostro panettone un dischetto, scavate quindi l’interno del panettone, privandolo di più m10904112_10204819849527543_398735967_nollica possibile (stando attenti però a non bucare le pareti del dolce), sbriciolatela e fatela abbrustolire su una piastra (a questo punto la mollica sprigionerà un odore davvero delizioso, che vi invoglierà a mangiarla: non fatelo. Ci serve). Nel frattempo fate ammorbidire 1 kg e 200 circa di gelato (i gusti più indicati sono vaniglia, cioccolato e nocciola, ma vanno bene anche altri tipi) mischiate quindi la mollica abbrustolita al gelato e farcite l’interno del panettone con il ricavato.Dopo averlo riempito bene, rimettete il dischetto precedentemente tolto e riponetelo in freezer cosicché il gelato si rassodi. A voler proprio esagerare, è possibile guarnire la cima del panettone con dei frutti di bosco, o se ritenete che il piatto non sia ancora abbastanza calorico, con del buon cioccolato fondente.

Abbiamo invitato il nostro direttore ad assaggiarne una fetta…si è leccata i baffi!

Buon Appetito!

Alessandro Longo

30/12/2014

Alessandro Longo

Alessandro Longo

Alessandro Longo, classe 1992. Laureando in Relazioni Internazionali e Politiche presso l’Università di Messina, è nato e cresciuto a Torre Faro. Scrive su scirokko.it per la rubrica “Giallo Vintage”, occupandosi della ricostruzione e della narrazione di vecchi casi che, per il loro impatto sociale, hanno interessato la cronaca nera non solo italiana, ma di tutto il mondo.
0 Commenti

Scrivi un Commento