Sana Camara a Messina grazie all’associazione culturale FolArt

FolArt 11

La neonata associazione culturale Folart di Messina, dedicata soprattutto alla cultura africana, ha aperto con successo  la stagione proponendo, come primo evento, uno stage di danza e percussioni africane tenuto dai maestri percussionisti Piero Cucinotta, Gianpaolo Villani con ospiti speciali Sana Camara, percussionista di livello noto in campo internazionale; e Fatou Camara, danzatrice professionista.
Lo stage, svoltosi presso il Centro Multiculturale Officina cittadino, si è strutturato in due giornate dedicate alla danza ed alle percussioni sui ritmi della Guinea.

L’evento, che ha registrato un notevole successo, è stato un’ottima occasione per conoscere o approfondire parte della cultura africana che da molti, spesso, viene erroneamente considerata molto distante dalla propria ed invece, intrisa di amore per la vita, si rivela molto vicina.

Sana Camara è un djembefolà straordinario e talentuoso di Conakry (Guinea). Cresciuto in una famiglia di musicisti tradizionali (il padre, Mamadou Camara Nylon ha fondato l’Ensemble Strumentale de Guinee), ha imparato a suonare prestissimo, specialmente nelle aree del Dixin e del Matan. Formatosi con i maestri molto validi come Yamoussa Camara e Mouctar Toure. In Africa, Sana suona con Les Ballets Africains ed è il solista dei balletti Soleil d’Afrique e Sourakhata.   Appartiene al Percussion Group Babara, suonando anche con la band Touré Kounda Percussion. Da poco tempo, Sana si è trasferito in Belgio dove suona con Babara Bangoura, mentre gira per il mondo tenendo workshop e masterclass in paesi come la Polonia, Paesi Bassi, Belgio, Francia, Portogallo ed Italia.

Fatoumata Camara è la sorella.

La madre porta un nome importante, quello dei Kouyatè, famiglia di cantastorie-musicisti della tradizione africana, mentre il padre viene scelto da Sekou Toure durante la “rivoluzione culturale” degli anni ‘60 e portato da Mamou a Conakry per formare L’Ensemble Instrumental de Guinèe, storica formazione con cui attraverserà il globo per essere ambasciatore d’arte della propria Nazione.

La formazione artistica di Fatou avviene tra le mura di casa, nelle feste tradizionali e nel Ballet di Matam dove viene seguita da Konkasere, grande rappresentante della tradizione culturale della Guinea, sotto la direzione artistica di Papa Sekouba Camara.

Di rilevante importanza nell’affinare la propria tecnica di danza, sono stati, negli anni vissuti a Conakry, il fratello maggiore Mamadou Djan Camara (percussionista e ballerino che vive e insegna in Francia) ed il fratello minore Sana…

Tornata in Guinea, ha assimilato gli insegnamenti di Bijoux, ex prima ballerina de Les Ballets Africains.

Da dodici anni in Italia, ha collaborato come danzatrice col gruppo di musica africana Les Tambours D’Harmattan, partecipando ad innumerevoli manifestazioni culturali e concerti. Ad oggi, è impegnata nell’insegnamento dell’ Afro-Fitness e della Danza Africana in vari centri sportivi della provincia iblea. Ha preso parte  a diversi meeting di danza e fitness come Uragano 2010 e 2011, Lipari Happy Island, Ustica Dreams, collaborando con artisti del calibro di Peppe Ranzani, Davide Peri ed altri ancora.
Recentemente ha collaborato con l’Associazione Wadada di Roma assieme ai fratelli Sana Camara e Mamadou Dian Camara.

Fatou è un’artista in continua evoluzione, sempre alla ricerca della bellezza e conservatrice di valori antichi che cerca sempre di trasmettere nella “quotidianità occidentale” attraverso l’attenzione e la cura verso l’altro.

Con Lei si studiano i passi, ci si muove nello spazio per interiorizzarli e farli propri per poi creare coreografie.

Prossimo appuntamento con FolArt e Sana e Fatou Camara, ad Aprile.

Per info e contatti su FolArt: 
cell.:  389 9137669
email: folartmessina@gmail.com

Qualche scatto dell’evento per cui si ringrazia lo staff.

Laura Faranda

Laura Faranda

Nata a Messina nel 1984. Critica e curatrice di Arte Contemporanea. Anche Dottore di Ricerca in Geografia Umana e Culturale, per questo particolarmente sensibile all'interazione arte/territorio. Ama l’arte ed ogni suo riflesso: dalla tradizione artistica medievale alle espressioni di avanguardia, purché non si cada nel cattivo gusto. Desiderosa di conoscenza, sperimenta spesso i più diversi canali di ricerca. Per scirokko.it cura si occupa di critica d'arte contemporanea e della promozione di nuovi artisti e di eventi culturali messinesi e siciliani.
0 Commenti

Scrivi un Commento